Mobilità

La Svizzera possiede una delle reti di trasporto pubblico più fitte al mondo.Treni, tram, métro e autobus circolano con un’alta frequenza e coprono tutto il territorio. In Ticino, a causa della configurazione naturale del Cantone, dell’offerta a volte limitata e di certe consolidate abitudini, per gli spostamenti si tende spesso a privilegiare l’automobile.

Mezzi pubblici di trasporto

Gli agglomerati di Lugano, Locarno, Mendrisio/Chiasso e Bellinzona offrono numerose linee di bus urbane e suburbane con un ottimo, frequente e regolare servizio quotidiano, generalmente dalle 6.00 alle 23.45 ca. I Comuni periferici e le Valli delTicino sono collegati ai poli urbani grazie ai servizi di AutoPostale Svizzera SA e di altre compagnie private di trasporto.

Il servizio ferroviario metropolitano TiLo assicura inoltre, a cadenza semi oraria, i collegamenti fra Airolo/Biasca e Chiasso/Como (S10), fra Chiasso e Milano (S11), fra Castione-Arbedo/Bellinzona e Locarno (S20) e fra Castione-Arbedo/Bellinzona e Luino/Aeroporto di Malpensa (S30).

La S60 (FLP) collega Lugano a Ponte Tresa e i treni regionali FART Locarno a Domodossola.

I treni delle Ferrovie federali svizzere (FFS) attraversano ilTicino e lo mettono in contatto diretto con le principali città svizzere ed europee. Lugano Airport (ad Agno) permette al Ticino di far parte del network aereo intercontinentale grazie ai collegamenti con gli hub di Ginevra, Zurigo e Roma.

Sui laghi Maggiore e di Lugano sono in servizio numerose linee di navigazione. Molte montagne del Ticino, così come alcuni villaggi isolati, sono raggiungibili con funicolari, funivie, cabinovie, seggiovie e una ferrovia a cremagliera.

L’abbonamento Arcobaleno permette la libera circolazione su tutti i mezzi pubblici della comunità tariffaria del Ticino. Con l’abbonamento «Metà prezzo» è invece possibile utilizzare tutti i mezzi pubblici svizzeri a metà prezzo. Alle stazioni ferroviarie sono a disposizione vari tipi di riduzioni e di abbonamenti per bambini, giovani, studenti, famiglie e anziani. Molti Comuni offrono pure agevolazioni per abbonamenti e carte giornaliere.

Patente di guida

Per guidare in Svizzera occorre una licenza di condurre (per il conducente) e una licenza di circolazione (per i veicoli a motore). Gli automobilisti possono utilizzare la patente estera per le categorie di veicoli di validità solo nei primi 12 mesi di soggiorno in Svizzera (con permessi B o C). Per far ciò occorre aver compiuto il 18° anno di età. Alla scadenza dei 12 mesi il cittadino ha l’obbligo di richiedere la licenza svizzera, la patente di guida estera deve essere registrata presso la Sezione della circolazione a Camorino e il cittadino straniero riceverà una patente svizzera.

Per i cittadini UE/AELS, a differenza di chi è originario di Stati terzi, non vi sono esami di guida di controllo. Chi non è in possesso di una patente di guida deve seguire una scuola guida e svolgere un esame teorico, che può essere solo in una delle tre lingue nazionali (italiano, francese e tedesco) e un esame pratico.

In Svizzera la guida è a destra e vige la regola della precedenza a destra. Sulle autostrade il limite di velocità è di 120km/h, sulle super- strade di 100km/h, sulle strade cantonali di 80km/h, nelle località di 50km/h e in cer te zone residenziali di 30km/h. Il limite del tasso di alcolemia al volante è fissato al 0,5 per mille: per alcune professioni, come ad esempio autista professionale, il limite è fissato a 0.

In caso d’incrocio su strade strette il veicolo che sale ha la precedenza su quello che scende. La cintura di sicurezza è obbligatoria sui sedili anteriori e posteriori e l’utilizzo del cellulare al volante è formalmente vietato

Veicolo

Un veicolo d’importazione deve essere immediatamente annunciato alla dogana al momento dell’ingresso in Svizzera. Entro il termine di un anno dalla sua data di entrata in Svizzera (permesso B o C) il cittadino straniero deve dotare il veicolo di targhe e di certificati di circolazione svizzeri. Prima della concessione delle targhe il veicolo deve essere sottoposto ad un accurato controllo tecnico.Tutti i possessori di un veicolo a motore hanno l’obbligo di sottoscrivere una polizza responsabilità civile (RC) che risarcisce i danni causati dal contraente a terzi. Occorre inoltre pagare una tassa annua di circolazione stradale. L’assicurazione Casco, non obbligatoria, risarcisce invece i danni causati al proprio veicolo.

Circolare sulle autostrade svizzere (in Ticino sull’A2 e la A13) implica il pagamento di una tassa forfettaria annua sottoforma di contrassegno (vignetta) obbligatorio da apporre sul parabrezza del veicolo. I parcheggi sono generalmente a pagamento. Le zone blu sono gratuite ma a tempo limitato e richiedono un disco orario da esibire sul parabrezza. Per circolare in bicicletta non occorre una vignetta: il casco di protezione è vivamente raccomandato così come un adeguato sistema di illuminazione.

ULTIME NOTIZIE

0FansLike
207FollowersFollow
79FollowersFollow